Progetto "Ti Regalo un Gioco"

Un, Due, Tre... Ho Preso Te! Per Gioco Fantasticando.
Un libro per giocare e regalare un sorriso...
Ai bambini di Cure2Children

Questo libro multimediale è una fiaba, un percorso, un progetto.
L’iniziativa si propone di donare ai bambini “più fortunati” un sorriso attraverso il regalo del libro - gioco “Un, Due, Tre... Ho preso Te!” - realizzato dalla Federazione Italiana Pallavolo per Cure2Children, ideato da Daniele Gatti, - e di far nascere di riflesso un immenso sorriso di valore inestimabile nei bambini meno fortunati, che stanno vivendo esperienze durissime a causa di malattie oncologiche.

Ti regalo un gioco” è il progetto presentato da Cure2Children, grazie al sostegno di partner ed altre associazioni del territorio toscano.


“L’iniziativa è lodevole – ha detto il presidente della commissione regionale Sanità Stefano Scaramelli – perché mette la salute del bambino al centro del nostro agire."

Ti regalo un gioco”, nasce dall’idea di far conoscere in un territorio più vasto possibile la Fondazione che per scelta agisce e si fa conoscere attraverso il suo operato concreto ed i suoi testimonial, tra cui Leonardo Pieraccioni e Tiziano Ferro.
La Fondazione, inoltre, investe il denaro raccolto affinché le cure vengano prestate direttamente dai professionisti locali nel paese d’origine dei bambini, grazie al supporto di medici ed infermieri di “Cure2Children”.

Le Scuole che hanno già aderito

Vuoi Riceverlo anche nella tua Scuola?

Con questa iniziativa puoi sostenere anche tu Cure2Children!

Compila il form sottostante per inviarci la tua richiesta, oppure invia una mail a [email protected], oppure Telefona al: 347. 7740411

Commissione Sanità e Politiche Sociali

cure2children e scaramelli

Sono lieto di presentare e promuovere, anche a nome della Commissione Sanità e Politiche Sociali, la Fondazione Cure2Children con sede nella città di Firenze che opera da più di 8 anni in paesi difficili ed a basso reddito. Cure2Children è una Onlus nata dall'incontro fra un onco-ematologo pediatra di noto valore internazionale, Lawrence Faulkner, specializzatosi con passione nella cura di tanti piccoli gravi pazienti. Faulkner coordina un comitato di elevato profilo professionale ed umano e l'impegno di un gruppo di genitori accomunati dalla terribile esperienza della scomparsa del proprio figlio, a causa di patologia tumorale ma, forse, proprio per questo desiderosi di assicurare pari opportunità di cura e di guarigione a tutti i bambini colpiti da gravissime patologie. Cure2Children spicca e si distingue nel panorama delle organizzazioni finalizzate alla cura dei bambini di tutto il mondo per le sue peculiari caratteristiche.
Se la maggior parte delle organizzazioni raccoglie fondi per consentire ai bambini dei paesi in via di sviluppo di curarsi in Italia o nel resto d’Europa, questa Fondazione, invece, individua un processo inverso: investe il denaro raccolto affinché le cure vengano prestate direttamente nel paese di origine, ad opera dei loro medici ed infermieri, anziché sostituirli con professionisti stranieri.

Un approccio che promuove le cure ma anche crescita e sviluppo locali. Attraverso il supporto di Cure2Children ai sanitari del posto viene offerta l’opportunità di sviluppare le proprie conoscenze e capacità tecniche. Cure2Children è stata presentata dal Premio Nobel per la Pace Muhammad Yunus nel suo volume intitolato “Si può fare”, come caso esemplare di learning organization, ovvero di struttura capace di crescere imparando e di business sociale in grado di creare un capitalismo più umano.
La Fondazione Cure 2 Children non investe in pubblicità, ma può contare su un testimonial d'eccezione come Leonardo Pieraccioni e grazie ai contributi raccolti, opera con risultati concreti, pubblicati in prestigiose riviste scientifiche del settore, in Kosovo, India, Sri Lanka, Myanmar, Pakistan, Georgia, Marocco ed Argentina.

Il settore operativo è quello dei tumori e delle gravi malattie del sangue dei bambini che costituiscono una delle principali cause di morte dei bambini in tutto il mondo. La Fondazione Umberto Veronesi ha sposato la visione di Cure2Children fornendo supporto per il progetto denominato dalla stessa Fondazione “Neuroblastoma: organizzarsi per sconfiggerlo” con lo scopo di fornire strumenti professionali e consulenze dei maggiori esperti internazionali per i piccoli pazienti che vivono nei paesi a basso e medio reddito e cercare di sconfiggere questa terribile patologia infantile, ovvero la prima causa di morte oncologica nei bambini in età prescolare.

Dalla sua nascita, nel 2007, Cure2Children ha dato un contributo fondamentale all’avvio di 7 centri per il trapianto di midollo dove sono stati curati e guariti molti piccoli pazienti e le loro famiglie sollevate dalla disperazione. Questi bambini hanno ricevuto le cure gratuitamente e a molte delle loro famiglie è stata evitata la necessità di vendere tutto quello che avevano per viaggi della speranza in paesi ricchi, spesso raggiunti troppo tardi con la malattia già diffusa. Il successo più importante di Cure2Children è di aver posto le basi per una sostenibilità locale che permetterà di salvare la vita ad un numero sempre crescente di bambini, rafforzare le strutture sanitarie e promuovere giustizia sociale e, non ultimo, sviluppare il patrimonio globale di competenze e conoscenze a vantaggio di tutti. La mancanza di assistenza sanitaria è il principale freno allo sviluppo. Il merito di Cure2Children, al di là dei numeri, è il messaggio universale di speranza e di vita che la Fondazione, fatta di medici, volontari, genitori riesce a portare nel mondo.

Il Presidente della Commissione Sanità e Politiche Sociali
Dott. Stefano Scaramelli